• +39 080 542 1451
  • posta@ordinefarmacistibaribat.it

    News dell'Ordine

    Facendo seguito e riferimento a quanto comunicato con NEWS n. 30 del 28/05/2018 e in risposta ai numerosi quesiti pervenuti all’Ordine aventi ad oggetto la corretta applicazione delle disposizioni introdotte con il DM 24 luglio 2018 alla Tabella n. 3 della XII Edizione della Farmacopea Ufficiale della Repubblica italiana, si ritiene opportuno tornare sull’argomento per fornire le seguenti precisazioni.

    Preliminarmente si evidenzia che l’aggiornamento della Tabella n. 3, pur mantenendo il termine“veleno”, si basa sulla applicazione del Sistema mondiale armonizzato di classificazione ed etichettatura delle sostanze chimiche, denominato GHS (Globally Harmonised System), che inquadra le sostanze secondo la loro pericolosità con il simbolo “H” (Hazard) e che indica, anche,“consigli di prudenza” contraddistinti dal simbolo “P” (Prudence).

    Nello specifico,

    • L’aggiornamento, introdotto con il DM 24 luglio 2018 (in vigore dal 29 agosto 2018):
    • Ha LIMITATO al seguente elenco, le sostanze “velenose” (pericolose per la salute umana) della Tabella n. 3:

    -       Adrenalina

    -       Apomorfina cloridrato

    -       Argento nitrato

    -       Atropina solfato

    -       Chinidina solfato

    -       Digitossina

    -       Ergometrina maleato

    -       Ergotamina tartrato

    -       Fisostigmina salicilato

    -       Iodio (1)

    -       Ipecacuana

    -       Isotretinoina

    -       Istamina

    -       Lidocaina

    -       Mercurio ossido giallo

    -       Neostigmina metilsolfato

    -       Noradrenalina

    -       Omatropina bromidrato

    -       Reserpina

    -       Sodio fluoruro

    -       Suxametonio cloruro

    -       Tetracaina cloridrato

    Nell’elenco, limitatamente alle sostanze organiche, devono ritenersi incluse anche le basi libere dei sali elencati e viceversa, nonché altri sali delle stesse.

    (1)        Le preparazioni “Iodio soluzione cutanea”, “Iodio soluzione orale”, “Iodio unguento”, “Iodio e acido salicilico soluzione cutanea” non sono soggette alle disposizioni di cui al punto 2) delle Note.

    • Ha ELIMINATO dalla Tabella n. 3 le seguenti sostanze (contenute in precedenza):

    Acido nitrico, Acido solforico, Acido tricloroacetico, Belladonna, Chinina cloridrato, Cloralio idrato, Colchicina, Cresolo, Digossina, Efedrina, Emetina cloridrato, Eparina, Fenolo, Fisostigmina solfato, Gallamina trietilioduro, Imipramina cloridrato, Iosciamina solfato, Lindano, Lobelina cloridrato, Merbromina, Mercurio dicloruro, Metilatropina, Noscapina, Omatropina metilbromuro, Ouabaina, Pilocarpina, Scopolamina bromidrato, Scopolamina solfato, Tiomersal, Tubocurarina cloruro.

    • Ha DISPOSTO nelle NOTE che:

    ̶          l’obbligo di CUSTODIA “in armadi chiusi a chiave e in recipienti con l’indicazione del contenuto e con il contrassegno delle sostanze velenose”, disciplinato dall’art. 146 delTULS (la cui inosservanza prevede l’applicazione di una sanzione penale) si applica esclusivamente alle sostanze in elenco (incluse per le sostanze organiche anche le basi libere dei sali elencati e viceversa, nonché altri sali delle stesse), ma non ai medicinali che le contengono, sia nel caso che si tratti di preparati soggetti ad AIC che di preparati magistrali ed officinali;

    ̶          sono soggette all’obbligo di CUSTODIA in armadio chiuso a chiave anche le sostanze che presentano in etichetta:

    ̶          il pittogramma del teschio e tibie incrociate e sulla scheda di sicurezza i codici di pericolo H300 o H310 o H330  

    ̶          la dizione letale “se ingerito o a contatto con la pelle o se inalato”

    ̶          il consiglio di prudenza codice P405 “conservare sotto chiave”

    (in tali fattispecie, l’inosservanza comporta l’applicazione di una sanzione amministrativa);

    ̶          la DISPENSAZIONE delle preparazioni contenenti le sostanze incluse in elenco o che riportano in etichetta o sulla scheda di sicurezza la dizione letale “se ingerito o a contatto con la pelle o se inalato” o classificate con i codici di pericolo per la salute umana H300 o H310 o H330, è SOGGETTA AL RISPETTO DELLA NORMATIVA DI RIFERIMENTO che prevede:

    • RICETTA NON RIPETIBILE

    -       VALIDITÀ

    30 giorni dalla data di compilazione della ricetta (Nota in calce alla Tabella n. 5 della F.U. XII ed. e successive correzioni o integrazioni), spedibile una sola volta e da trattenere (art. 39 R.D. 1706/38).

     

     

     

    -       REQUISITI FORMALI

    data di compilazione della ricetta, firma del medico e dosi del veleno (sostanza pericolosa), anche minime, scritte a tutte lettere;

    -       QUANTITÀ MASSIMA PRESCRIVIBILE

    se presenti dosaggi pro dose o pro die superiori a quelli della Tab. 8 della F.U. XII ed., non si può effettuare la spedizione se il medico non dichiara per iscritto che la somministrazione è sotto la sua responsabilità e a quale uso deve servire (art. 34 e 40 R.D. 1706/38).

    -       DIVIETO DI CONSEGNA

    a persona minore di anni 16 (per inosservanza sanzione prevista dal Cod. pen. art. 730); se contiene sostanze incluse nel DPR 309/90 divieto di consegna a persona minore di 18 anni o manifestamente inferma di mente (art. 44 DPR 309/90).

    -       ADEMPIMENTI DEL FARMACISTA

    -       Annotazioni sulla ricetta

    • data di spedizione;
    • prezzo praticato anche in cifra unica (art. 37 R.D. 1706/38);
    • nome dell’acquirente da apporre all’atto del ritiro del medicinale;
    • timbro attestante la vendita non è previsto dalla norma, se non quando è presente una sostanza del DPR 309/90.

    -       Conservazione della ricetta

    • in originale per sei mesi. Si rilascia copia della ricetta all’acquirente qualora la richieda (art. 39 R.D. 1706/38).

    -       Etichetta (art. 37 R.D. 1706/38):

    • denominazione, indirizzo e telefono della farmacia dispensatrice;
    • numero di registrazione desunto dal numero attribuito alla ricetta;
    • data di spedizione e data limite di utilizzazione;
    • cognome e nome del paziente ove possibile;
    • cognome del medico prescrivente;
    • composizione qualitativa e quantitativa secondo la ricetta;
    • posologia, ove indicata dal medico;
    • prezzo praticato, scorporando: importo complessivo delle sostanze; importo complessivo degli onorari professionali; costo del recipiente fornito;
    • modalità d’uso;
    • la dicitura “VELENO” o idoneo contrassegno di pericolosità;
    • avvertenze cautelative: tenere lontano dalla portata dei bambini, conservare lontano da fonti calore, non disperdere nell’ambiente, a gocce, agitare prima dell’uso, uso veterinario, ecc.;
    • avvertenze normative eventuali: (soggetto alla disciplina del DPR 309/90 Tab. .....  eventuali diciture se presenti sostanze dopanti).

    Al fine di chiarire ulteriormente le disposizioni su richiamate, si riportano di seguito alcuni esempi:

    SOSTANZA

    PITTOGRAMMA
    IN ETICHETTA

    F.U. 
    TABELLA N. 3

    CODICE 
    PERICOLO

    CONSIGLI PRUDENZA

    CUSTODIA

    NORMATIVA DI 
    RIFERIMENTO

    Diclofenac

    teschio e tibie incrociate

     

    H301

     

    fuori armadio

    NON SI APPLICA

    17-Alfa estradiolo

     

     

    H351 - H360 - H362

    P405

    in armadio

    NON SI APPLICA*

    Epinefrina 
    (Adrenalina)

    teschio e tibie incrociate

    inclusa in elenco

    H300

     

    in armadio

    SI APPLICA

    Lidocaina

    teschio e tibie incrociate

    inclusa in elenco

     

     

    in armadio

    SI APPLICA

    Pilocarpina

    teschio e tibie incrociate

     

    H300 + H330

     

    in armadio

    SI APPLICA

    4-Aminopiridina

    teschio e tibie incrociate

     

    H300

     

    in armadio

    SI APPLICA

    * N.B.

    La Tabella 5 della F.U. al punto 10) prevede, comunque, che “Tutti i medicinali a base di estrogeni, progestinici, soli od associati […]” sono soggetti a presentazione di RICETTA MEDICA DA RINNOVARE VOLTA PER VOLTA.

    Considerata la rilevanza professionale dei contenuti della presente nota si sollecitano i Colleghi in indirizzo al rigoroso rispetto delle citate disposizioni.

    Cordiali saluti.

     

    Il Presidente

    Sen. Dr. Luigi D’Ambrosio Lettieri

    Si ha cura di rammentare che, ai sensi dell’articolo 8, secondo comma della Legge 362 dell’8 novembre 1991, “Norme di riordino del Settore farmaceutico”, come modificato dal DDL concorrenza n. 124 del 4.8.2017, lo Statuto delle farmacie gestite in forma societaria ed ogni successiva variazione, ivi incluse quelle relative alla compagine sociale, devono essere comunicati, entro sessanta giorni, alla Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani, nonché all’Assessore alla Sanità della competente Regione e Provincia Autonoma, all’Ordine provinciale dei farmacisti, e all’Unità Sanitaria Locale competente per territorio.

     

    Si ritiene opportuno evidenziare che a norma dell’art. 8, 3 comma, la violazione delle disposizioni di cui al predetto articolo comporta la sospensione del farmacista dall'albo professionale per un periodo non inferiore ad un anno. Inoltre, se è sospeso il socio che è direttore responsabile, la direzione della farmacia gestita da una società è affidata ad un altro dei soci. Se sono sospesi tutti i soci è interrotta la gestione della farmacia per il periodo corrispondente alla sospensione dei soci. L’autorità sanitaria competente nomina, ove necessario, un commissario per il periodo di interruzione della gestione ordinaria, da scegliersi in un elenco di professionisti predisposto dal consiglio direttivo dell'ordine provinciale dei farmacisti.

    Per consentire un più agevole adempimento del predetto obbligo di comunicazione si ha cura di allegare alla presente il modulo di:

    • Comunicazione costituzione società – ex art. 8 L.362/91, art.1 comma 160 L.124/2017
    • Comunicazione variazione statuto società ex art. 8 L.362/91, art.1 comma 160 L.124/2017

     

     

    Cordiali saluti.

    Il Presidente

    Sen. Dr. Luigi D’Ambrosio Lettieri

     

     

     

     

    Ordine Interprovinciale dei Farmacisti di Bari e Barletta Andria Trani

    Via G. Devitofrancesco 4/c - 70124 Bari (BA)

    C.F. 93403590727

    posta@ordinefarmacistibaribat.it

    ordinefarmacistiba@pec.fofi.it

    Uffici:

    dal LUN al VEN dalle 9:30 alle 12:30

    MAR e il GIO dalle 15:00 alle 16:00

    TEL +39 080.542.1451  |  FAX +39 080.542.1683

     

    Tutti i diritti riservati - Vietata la riproduzione anche parziale senza autorizzazione
    Trattamento dati personali e termini d'utilizzo del sito


    Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.ordinefarmacistibaribat.it/home/modules/mod_cookiesaccept/mod_cookiesaccept.php on line 24

    NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

    Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

    Approvo

      

    Il Sito utilizza:

    cookie di sessione il cui utilizzo non è strumentale alla raccolta di dati personali identificativi dell'Utente, essendo limitato alla sola trasmissione di dati identificativi di sessione nella forma di numeri generati automaticamente dal server.

    I cookie di sessione non sono memorizzati in modo persistente sul dispositivo dell'Utente e vengono cancellati automaticamente alla chiusura del browser.
    cookie di terze parti per la condivisione su alcuni tra i principali social network (Facebook , Twitter, Google+, YouTube).

    Ogni volta che l'Utente decide di interagire con i plug-in ovvero accede al Sito dopo essersi "loggato" attraverso il proprio account Facebook o Twitter, alcune informazioni personali potrebbero essere acquisite dai gestori delle piattaforme di social network (per esempio, la visita dell'Utente al Sito).

    L'Ordine Interprovinciale dei Farmacisti di Bari e Barletta Andria Trani non ha accesso ai dati che sono raccolti e trattati in piena autonomia dai gestori delle piattaforme di social network. Per maggiori informazioni sulle logiche e le modalità di trattamento dei dati raccolti dai social network, gli utenti sono invitati a leggere le note informative sulla privacy fornite dai soggetti che forniscono i servizi in questione:

    Facebook policy

    Twitter policy

    Google+ e YouTube policy

    Pinterst policy

      ll nostro canale tematico

       Le foto nelle gallery di G+

     

    Il portale dedicato ai laureati in Farmacia e CTF: scenari, orientamento e sviluppo professionale a sostegno dell'occupazione