• +39 080 542 1451
  • posta@ordinefarmacistibaribat.it

    News dell'Ordine

    Si comunica che  nella seduta del 17 ottobre u.s., la Conferenza Stato – Regioni ha approvato l’Accordo tra il Governo e le Regioni sulle Linee di indirizzo per la sperimentazione della Farmacia dei servizi (cfr all. 1). 

    Il documento è frutto del lavoro svolto dal Gruppo appositamente costituito presso il Ministero della Salute, al quale hanno preso parte – unitamente alla Federazione degli Ordini – anche le Regioni, Agenas,  Federfarma, Assofarm, Utifar, Fimmg, Fnomceo, Fnopi e Cittadinanzattiva, con l’obiettivo di individuare i servizi oggetto di sperimentazione, nonché di definire le modalità di svolgimento della sperimentazione stessa, secondo quanto previsto dalla Legge 27 dicembre 2017, n. 205 (Legge Bilancio 2018). 

    Il via libera della Conferenza Stato-Regioni alla sperimentazione dei nuovi servizi rappresenta un traguardo fondamentale nel percorso di trasformazione della farmacia italiana, delineato fin dal 2006 con il Documento programmatico Fofi di Palazzo Marini, nonché un importante riconoscimento di quanto strenuamente sostenuto dalla Federazione in merito all’evoluzione del ruolo del farmacista all'interno del processo di cura, a vantaggio della professione e della collettività. 

    Come più volte sottolineato in occasioni ufficiali da quest’Ordine, la sperimentazione dovrá dimostrare l’utilità sanitaria, sociale ed economica derivante dai servizi professionali erogati dal farmacista in farmacia e destinati prioritariamente al miglioramento della salute pubblica e al buon governo della spesa sanitaria. 

    In tale contesto, il documento rappresenta una linea di indirizzo alla quale le Regioni, di concerto con gli attori del progetto dovranno adeguarsi per garantire modalità di erogazione dei servizi uniformi a livello nazionale. 

    A tal fine, le Linee di indirizzo individuano i servizi che le nove Regioni coinvolte nella sperimentazione (Piemonte, Lazio e Puglia per il 2018; Lombardia, Emilia Romagna e Sicilia per il 2019; Veneto, Umbria e Campania per il 2020, potranno autorizzare nelle farmacie del territorio previa valutazione positiva, da parte della Conferenza, del cronoprogramma presentato. In proposito, si osserva che la Conferenza delle Regioni e Province autonome, nell’esprimere avviso favorevole sull’intesa, ha chiesto di mettere a disposizione, oltre a quanto previsto dalla Legge di Bilancio 2018, un’ulteriore quota capitaria a valere sulle risorse per gli obiettivi di piano per le altre Regioni a statuto ordinario che volessero avviare analoghe iniziative (cfr all. 2). Si precisa che tale estensione avrà efficacia dal 2020 e non sarà necessario alcun ulteriore stanziamento, considerato che sono già previsti specifici fondi per la realizzazione degli obiettivi di piano, che dovranno quindi essere semplicemente destinati a tale scopo sulla base dei progetti presentati dalla Regioni. 

    Ai fini del monitoraggio della sperimentazione (che si dovrà concludere entro il 31 dicembre 2021), le Regioni dovranno trasmettere semestralmente al Ministero le Schede di rilevazione generale insieme ad un report di verifica per ogni sperimentazione indicata. 

    Alle Regioni e agli Ordini professionali è inoltre demandato il compito della formazione, secondo le modalità stabilite in ambito regionale, sulle tematiche relative ai servizi in particolare sui temi dell’aderenza, fragilità dei pazienti cronici e la loro presa in carico, la farmacovigilanza. 

    L’adesione delle farmacie alla sperimentazione avverrà su base volontaria. Il numero e le tipologie delle farmacie coinvolte, che dovranno impegnarsi nella raccolta dei dati, dovranno essere rappresentativi della realtà regionale e della variabilità territoriale 

    Pertanto, nella stesura del Cronoprogramma e nella declinazione delle modalità operative, le Regioni dovranno allocare le risorse ad esse assegnate, rispettando la libertà di adesione delle singole farmacie e garantendo la rappresentatività delle stesse per tipologia a livello regionale sul territorio. Al farmacista di comunità spetta invece l’arruolamento dei pazienti alla sperimentazione, tramite consenso informato, secondo le modalità individuate all’interno delle Schede riassuntive dei servizi contenute nelle Linee di indirizzo. I servizi erogabili nell’ambito della sperimentazione sono quelli decretati dal Gruppo sulla Farmacia dei Servizi ed elencati nella Tabella 1 del documento (servizi cognitivi, servizi di front office, prestazioni analitiche di prima istanza), pertanto la sperimentazione dovrà garantire l’implementazione di tutti i servizi previsti. 

    La sperimentazione sarà utile anche ai fini della raccolta di elementi necessari alla determinazione dei costi dei servizi in farmacia in regime SSN in vista della stesura della nuova Convenzione tra le farmacie e il SSN in fase di perfezionamento nell’iter tecnico-politico. La Convenzione deve infatti dare attuazione ai nuovi servizi, tenendo conto di tutte le novità legislative intervenute negli ultimi due decenni, nel perseguimento dell’obiettivo di valorizzare il ruolo delle farmacie e la competenza professionale del farmacista. Pertanto, i principi impostati per la determinazione dei costi della sperimentazione potranno fornire un primo modello di remunerazione dei servizi acquisibile in sede di stesura della Convenzione. 

    Considerato che il tema oggetto della presente nota riveste valenza strategica nella definizione della mission professionale e del ruolo della farmacia, si richiama l’attenzione dei Colleghi (titolari, direttori, collaboratori di farmacia) sulla necessità di valutarne con attenzione il contenuto, riferito anche ai documenti allegati, anche al fine della possibile adesione al progetto a cui andrà garantito il massimo impegno. 

    Si fa riserva di tornare sull’argomento, anche attraverso appositi incontri finalizzati a fornire elementi di dettaglio.

     

    Cordiali saluti.

     

    Il Presidente

    Sen. Dr. Luigi D’Ambrosio Lettieri

     

      

    Si comunica che il Prof. Massimo Franco, Direttore del Master Scienze dei Prodotti Cosmetici, ha informato quest’Ente che sul sito istituzionale dell’Università degli Studi di Bari Aldo Moro è stato pubblicato il bando del Master di II livello in “Scienze dei prodotti Cosmetici” a cui è possibile iscriversi dal  30 ottobre al 30 novembre 2019.

    Pagina 1 di 101

     

     

     

     

    Ordine Interprovinciale dei Farmacisti di Bari e Barletta Andria Trani

    Via G. Devitofrancesco 4/c - 70124 Bari (BA)

    C.F. 93403590727

    posta@ordinefarmacistibaribat.it

    ordinefarmacistiba@pec.fofi.it

    Uffici:

    dal LUN al VEN dalle 9:30 alle 12:30

    MAR e il GIO dalle 15:00 alle 16:00

    TEL +39 080.542.1451  |  FAX +39 080.542.1683

     

    Tutti i diritti riservati - Vietata la riproduzione anche parziale senza autorizzazione
    Trattamento dati personali e termini d'utilizzo del sito

    NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

    Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

    Approvo

      

    Il Sito utilizza:

    cookie di sessione il cui utilizzo non è strumentale alla raccolta di dati personali identificativi dell'Utente, essendo limitato alla sola trasmissione di dati identificativi di sessione nella forma di numeri generati automaticamente dal server.

    I cookie di sessione non sono memorizzati in modo persistente sul dispositivo dell'Utente e vengono cancellati automaticamente alla chiusura del browser.
    cookie di terze parti per la condivisione su alcuni tra i principali social network (Facebook , Twitter, Google+, YouTube).

    Ogni volta che l'Utente decide di interagire con i plug-in ovvero accede al Sito dopo essersi "loggato" attraverso il proprio account Facebook o Twitter, alcune informazioni personali potrebbero essere acquisite dai gestori delle piattaforme di social network (per esempio, la visita dell'Utente al Sito).

    L'Ordine Interprovinciale dei Farmacisti di Bari e Barletta Andria Trani non ha accesso ai dati che sono raccolti e trattati in piena autonomia dai gestori delle piattaforme di social network. Per maggiori informazioni sulle logiche e le modalità di trattamento dei dati raccolti dai social network, gli utenti sono invitati a leggere le note informative sulla privacy fornite dai soggetti che forniscono i servizi in questione:

    Facebook policy

    Twitter policy

    Google+ e YouTube policy

    Pinterst policy

      ll nostro canale tematico

       Le foto nelle gallery di G+

     

    Il portale dedicato ai laureati in Farmacia e CTF: scenari, orientamento e sviluppo professionale a sostegno dell'occupazione