IN CASO DI ASSENZA TEMPORANEA DEL TITOLARE CHI FIRMA IL BUONO ACQUISTO?

Stampa

Con nota del 20.5.2008 il Ministero della Salute ha fornito alcuni chiarimenti in merito alla firma del buono acquisto necessario all’approvvigionamento di medicinali stupefacenti compresi nella tabella II, sezioni A, B, C di cui al DPR 309/1990.

Il Ministero ha precisato che, al fine di garantire il completo servizio da parte delle farmacie aperte al pubblico in caso di impedimento, anche temporaneo, del farmacista titolare o direttore, questi può delegare con atto formale un proprio collaboratore alla firma del buono acquisto.

La delega alla firma del buono acquisto, come precisato dal Ministero, non costituisce una delega alla direzione della farmacia ed è finalizzata a garantire al continuità di approvvigionamento di farmaci essenziali, quali sono gli analgesici oppiacei. Pertanto rimane comunque in capo al farmacista titolare o direttore la responsabilità del regolare esercizio della farmacia.

Il Ministero ha infine precisato che il buono acquisto può essere firmato, per le suddette finalità, oltre che dai collaboratori che operano nelle farmacie aperte al pubblico, anche dai farmacisti in servizio nelle farmacie ospedaliere o nelle farmacie dei servizi farmaceutici territoriali, ancorché non abbiano la funzione di direttore dell’unità operativa.