• +39 080 542 1451
  • posta@ordinefarmacistibaribat.it

    LEGGE REGIONALE 67/2018 E MODIFICHE INERENTI IL SERVIZIO FARMACEUTICO

    Si comunica che la Regione Puglia con Legge Regionale n. 67 del 28 dicembre 2018, concernente “Disposizioni per la formazione del bilancio di previsione 2019 e bilancio pluriennale 2019-2021 della Regione Puglia (Legge di stabilità regionale 2019)”pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 165 in data 31-12-2018 e entrata in vigore il giorno stesso della sua pubblicazione,

    ha rideterminato in aumento l’indennità di residenza in favore delle farmacie rurali previste dalla Legge Regionale 5 agosto 2013, n. 22, recante “Provvidenze a favore delle farmacie rurali”;

    ha emendato la Legge Regionale 18 febbraio 2014, n. 5 recante “Disciplina dei turni e degli orari del Servizio pubblico farmaceutico territoriale”.

    In particolare, le modifiche introdotte, che sono contenute nell’Art. 8 della succitata “Legge di stabilità regionale 2019”, prevedono:

     

    Art. 8

    Revisione delle indennità di residenza in favore delle farmacie rurali 
    e modifiche alle leggi regionali
     5 agosto 2013, n. 22 e 18 febbraio 2014, n. 5

    1.  L’indennità di residenza a carico della Regione di cui all’articolo 1 della Legge Regionale 5 agosto 2013, n. 22 (Provvidenze a favore delle farmacie rurali) a decorrere dall’anno 2019 è rideterminata nella misura annua di:

    ‐     euro 12 mila per le farmacie ubicate in località con popolazione fino a mille abitanti;

    ‐     euro 8 mila per le farmacie ubicate in località con popolazione compresa tra milleuno e duemila abitanti;

    ‐     euro 6 mila per le farmacie ubicate in località con popolazione compresa tra duemilauno e tremila abitanti.

    2.  Al fine dell’attuazione di quanto previsto al comma 1, nel bilancio autonomo regionale, nell’ambito della missione 13, programma 1, titolo 1, è assegnata una dotazione finanziaria per l’esercizio finanziario 2019, in termini di competenza e cassa, di euro 1 milione. La medesima dotazione finanziaria è assegnata, in termini di competenza, per ciascuno degli esercizi finanziari 2020 e 2021.

    3.  L’articolo 2 della l.r. 22/2013 è sostituito dal seguente:

    “Art. 2

    Compiti delle aziende sanitarie locali (ASL)

    1.  Con provvedimento della Giunta regionale sono definite le modalità e le tempistiche con cui sono erogate da parte delle aziende sanitarie locali le indennità di residenza in favore delle farmacie rurali, a condizione che le stesse risultino essere state aperte e funzionanti durante l’anno solare cui dette indennità si riferiscono.”.

    4.  Il comma 3 dell’articolo 1 della Legge Regionale 18 febbraio 2014, n. 5 (Disciplina dei turni e degli orari del Servizio pubblico farmaceutico territoriale) è sostituito dal seguente:

    “3. Agli effetti della presente legge per chiamata si intende:

    a)  la chiamata formulata dal cittadino munito di regolare ricetta, sulla quale il medico abbia fatta esplicita menzione dei caratteri di urgenza della prescrizione;

    b)  la chiamata formulata dal cittadino per i farmaci per i quali ai sensi della normativa vigente non vi è obbligo di prescrizione e comunque nei casi di effettiva necessità.”.

     

    Con specifico riferimento alla modifica riguardante l’erogazione dell’assistenza farmaceutica a“chiamata”, il legislatore regionale ha sostanzialmente ribadito l’obbligo di dispensazione, in effetti già sussistente in capo al farmacista, anche “per i farmaci per i quali ai sensi della normativa vigente non vi è obbligo di prescrizione”.

    In proposito appare opportuno ricordare che quest’Ordine, con note prot. n. 201400594 del 04 aprile 2014 e prot. n. 201800249 del 02 febbraio 2018, (all. nn. 1, 2) con riferimento al servizio a “chiamata”, anche per scongiurare il rischio di interpretazioni e comportamenti difformi della norma e le possibili conseguenze da esso derivanti, aveva già chiarito la sussistenza dell’obbligo di dispensazione di medicinali non sottoposti a ricetta medica, essendo il servizio notturno configurato come un servizio farmaceutico non di sola emergenza, bensì riconducibile, sotto il profilo delle prestazioni, all’ordinario servizio pubblico di farmacia svolto nelle ore diurne.

    Giova evidenziare altresì che gli obblighi per il farmacista in caso di chiamata formulata dal cittadino “nei casi di effettiva necessità”, così come recita la norma, non devono ritenersi estesi alla richiesta di prodotti, di cui la farmacia potrebbe pure essere provvista, non identificabili come “farmaci” ai sensi del D.Lgs 219/2006, lasciandosi in proposito piena discrezionalità e responsabilità decisionale al farmacista che potrà liberamente stabilire se porre in vendita a beneficio di tutta l’utenza, a seguito di “chiamata”, prodotti differenti dai farmaci, applicando eventualmente un onere aggiuntivo fisso da rendere noto al pubblico mediante l’apposizione di cartelli ben visibili anche all’esterno dell’esercizio. I casi di “effettiva necessità”, dunque, devono essere valutati di volta in volta dal farmacista tenendo presente che anche la richiesta di un prodotto non medicinale, in alcune situazioni, può essere considerata urgente e pertanto un eventuale ed ingiustificato diniego da parte del farmacista potrebbe confliggere con la funzione pubblica e con il ruolo socio-sanitario e professionale da questi svolto in farmacia.

    Per quanto attiene i diritti economici spettanti al farmacista per la dispensazione nei casi di servizio a “chiamata” si rammenta quanto stabilito dalla vigente “Tariffa Nazionale per la dispensazione al pubblico dei medicinali in Farmacia”, approvata con DM 22 settembre 2017 in cui:

    -        all’Art. 2 si stabilisce che le disposizioni di cui alla “Tariffa Nazionale” si applicano a tutti i “medicinali” per uso umano di produzione industriale che necessitino di AIC, compresi quindi quelli senza obbligo di prescrizione (SOP e OTC), alle formule magistrali, ai formulati officinali eseguiti in singolo, nonché ai medicinali ad uso veterinario anch’essi di produzione industriale o allestiti in farmacia.

    -        all’Art. 9, in coerenza con l’ambito di applicazione di cui al succitato Art. 2, si prevede che in caso di servizio svolto a chiamata spetta al farmacista:

    ‐     “un diritto addizionale” di € 7,50 per la dispensazione di uno o più dei medicinali effettuata durante le ore di chiusura notturna dalle farmacie urbane e rurali non sussidiate;

    ‐     “un diritto addizionale” di € 10,00 per la dispensazione di uno o più dei medicinali effettuata durante le ore di chiusura notturna dalle farmacie rurali sussidiate;

    ‐     “un diritto addizionale” di € 4,00 per la dispensazione di uno o più dei medicinali effettuata durante le ore di chiusura diurna dalle farmacie rurali sussidiate.

    Per completezza di informazione si rende noto che la modifica del comma 3 - art. 1 della L.R.5/2014 illustrato nella presente nota è avvenuta attraverso un emendamento del Consigliere regionale di Forza Italia, Francesca Franzoso, presentato direttamente in Assemblea nel corso della seduta del 22/12/2018 del Consiglio della Regione Puglia, che lo ha approvato con i voti della  maggioranza politica.

    Si ritiene opportuno informare altresì i Colleghi in indirizzo che la Consulta degli Ordini dei Farmacisti della Regione Puglia, in occasione di un’apposita audizione svoltasi presso la Terza Commissione Igiene e Sanità della Regione, convocata per rendere il proprio parere sul disegno di legge presentato dalla predetta consigliera Francesca Franzoso ed avente contenuto e finalità analoghe a quelle del citato emendamento, espresse una valutazione condizionata alla soppressione dell’obbligo, durante l'espletamento del servizio notturno, della presenza del farmacista nelle farmacie ubicate nei comuni con popolazione compresa tra 40.000 e 80.000 abitanti.

    L’assenza di interlocuzione che la Regione Puglia ha riservato ai vertici istituzionali della Professione su un argomento particolarmente delicato su cui, pure, gli Ordini avevano rappresentato nelle competenti sedi le proprie istanze a beneficio della qualità del servizio farmaceutico e a sostegno delle legittime aspirazioni dei farmacisti, seppure giustificata dalle modalità di svolgimento dell’iter legislativo del provvedimento in parola, sarà oggetto di valutazione in occasione di una apposita riunione della Consulta degli Ordini già convocata per il prossimo 11 gennaio, nella quale verranno assunte, sentita anche la rappresentanza sindacale delle farmacie, le decisioni più idonee per garantire un rapporto di proficua collaborazione con la Regione Puglia finalizzata al  recepimento delle istanze della Professione e nel primario interesse di tutela della salute pubblica.

    Si invitano i Colleghi in indirizzo a tenere nella massima considerazione il contenuto della presente nota e si fa riserva di tornare sull'argomento per gli aggiornamenti del caso.

    Cordiali saluti.

     

    Il Presidente

    Sen. Luigi D’Ambrosio Lettieri

     

     

      

     

     

     

     

    Ordine Interprovinciale dei Farmacisti di Bari e Barletta Andria Trani

    Via G. Devitofrancesco 4/c - 70124 Bari (BA)

    C.F. 93403590727

    posta@ordinefarmacistibaribat.it

    ordinefarmacistiba@pec.fofi.it

    Uffici:

    dal LUN al VEN dalle 9:30 alle 12:30

    MAR e il GIO dalle 15:00 alle 16:00

    TEL +39 080.542.1451  |  FAX +39 080.542.1683

     

    Tutti i diritti riservati - Vietata la riproduzione anche parziale senza autorizzazione
    Trattamento dati personali e termini d'utilizzo del sito


    Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.ordinefarmacistibaribat.it/home/modules/mod_cookiesaccept/mod_cookiesaccept.php on line 24

    NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

    Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

    Approvo

      

    Il Sito utilizza:

    cookie di sessione il cui utilizzo non è strumentale alla raccolta di dati personali identificativi dell'Utente, essendo limitato alla sola trasmissione di dati identificativi di sessione nella forma di numeri generati automaticamente dal server.

    I cookie di sessione non sono memorizzati in modo persistente sul dispositivo dell'Utente e vengono cancellati automaticamente alla chiusura del browser.
    cookie di terze parti per la condivisione su alcuni tra i principali social network (Facebook , Twitter, Google+, YouTube).

    Ogni volta che l'Utente decide di interagire con i plug-in ovvero accede al Sito dopo essersi "loggato" attraverso il proprio account Facebook o Twitter, alcune informazioni personali potrebbero essere acquisite dai gestori delle piattaforme di social network (per esempio, la visita dell'Utente al Sito).

    L'Ordine Interprovinciale dei Farmacisti di Bari e Barletta Andria Trani non ha accesso ai dati che sono raccolti e trattati in piena autonomia dai gestori delle piattaforme di social network. Per maggiori informazioni sulle logiche e le modalità di trattamento dei dati raccolti dai social network, gli utenti sono invitati a leggere le note informative sulla privacy fornite dai soggetti che forniscono i servizi in questione:

    Facebook policy

    Twitter policy

    Google+ e YouTube policy

    Pinterst policy

      ll nostro canale tematico

       Le foto nelle gallery di G+

     

    Il portale dedicato ai laureati in Farmacia e CTF: scenari, orientamento e sviluppo professionale a sostegno dell'occupazione