PIATTAFORMA FOFI A SOSTEGNO DELL’OCCUPAZIONE NEL MONDO FARMACEUTICO

Stampa

La Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani, con il supporto della Fondazione Francesco Cannavò, ha dato vita ad un'importante iniziativa rivolta a tutti i laureati in Farmacia e CTF.


Il progetto, che ha ricevuto il patrocinio del Ministero del Lavoro e delle associazioni più rappresentative del settore del farmaco, ha previsto la creazione di una piattaforma on-line, denominata FarmaLavoro - www.farmalavoro.it, dedicata allo sviluppo professionale e al sostegno dell'occupazione nel mondo farmaceutico.
Un punto di riferimento nazionale del settore per tutti gli operatori e i professionisti in cerca di lavoro, che consenta di:
- consultare i trend di evoluzione degli scenari occupazionali;
- costruire strategie di specializzazione ed impiego (orientamento formativo e professionale);
- creare un unico autorevole punto di accesso alle domande e alle offerte di lavoro di settore.
A partire dal 26 marzo, il portale è online esclusivamente per i titolari delle farmacie affinché sia possibile:
• effettuare la registrazione, creando la propria area riservata;
• pubblicare le offerte di lavoro;
• gestire il database con tutte le candidature per le relative offerte.
Per far confluire tutti gli interessati in FarmaLavoro ed evitare la duplicazione delle opportunità di impiego, gli Ordini provinciali stanno chiudendo le loro bacheche di “cerco/offro lavoro”, in modo tale che tutte le ricerche di personale siano centralizzate nella nuova piattaforma, dove beneficeranno di strumenti avanzati di gestione delle informazioni.
Il prossimo 7 aprile, la Federazione avrà cura di inviare una mail di presentazione di FarmaLavoro a tutti gli iscritti all'Ordine, generando il loro interesse e favorendo pertanto l'accesso alla piattaforma anche da parte dei laureati in Farmacia e CTF alla ricerca di un'occupazione.
L'iniziativa FarmaLavoro verrà ufficialmente presentata alle Istituzioni e alla stampa il prossimo 21 aprile p.v., in una conferenza che ha ricevuto, tra le altre, anche l'adesione del Presidente della Repubblica.

Cordiali saluti.



IL PRESIDENTE
Sen. Dott. Luigi D’Ambrosio Lettieri